Cosa fare Oggi..

Girando per il web abbiamo notato che come al solito manca qualcosa di

Concreto e cioè non è spiegato

Cosa devo fare se voglio guadagnare e non ho un lavoro oppure voglio mettermi in proprio

Prima cosa che si deve sapere è che bisogna investire, quindi se non si ha a disposizione capitale, usare i mutui a fondo perduto che riguardano l’acquisto di un terreno o di un rustico e farne uno stabile d’introito.

Una volta fatto questo bisogna giustificare, il rientro dei soldi alla banca dimostrando la capacità di mettere a reddito il terreno o il rustico.

cominciamo con l’avere un terreno e cosa farci:

 

Coltivare i Tartufi:

per i tartufi occorrono (7-10 anni d’attesa), piantare degli alberi selezionati “miconizzati” su questo sito trovate tutto il necessario, la quota di coltivazione arriva

fino ai 1200 m, perciò è possibile coltivare in quasi tutto il territorio, ricordate però di istruirvi sulla composizione del terreno, trovate su internet varie discussioni sull’argomento che vi faccia imparare il minimo prima di iniziare. I guadagni sono di 30 volte superiori alle vigne a parità di superficie coltivata.

Investimento iniziale per l’acquisto di terreno, pulizai dello stesso, piantumazione alberi ecc..  intorno ai 100.000 € a grandissime linee, se avete il terreno dimezzate il costo.

 

Apicoltore:

diventare apicoltore da 0 è impossibile in breve tempo e soprattutto si sperperano soldi a caso, però non è così raro trovare anche su subito.it per dire, gente che possa insegnarvi il mestiere. E a dir la verità, oltre all’allevare lumache o lombrichi è una delle attività più affascinanti e redditizie del nostro paese.

Per iniziare basta comprare una famiglia di api o più. il  prezzo è contenuto come potrete vedere da questo bel sito diciamo che con 500€ vi prendete sciame, regine e certificati che devono esserci, come vi spiegherà un esperto, ora, il miele più costo d’Italia è quello di nespole Giapponesi, che viene coltivato solo in Sicilia per il clima ecc..soprattutto la vendita di questo miele avviene facilmente grazie ai giapponesi che ne ipotecano l’intero raccolto annuale.

Poi c’è quello di corbezzolo e via via tutti gli altri ecc… ma restiamo sul millefiori che costa c.ca 10/15€ al kg a seconda della purezza,

con questo tipo di coltura potrete fare ciò che volete e sbizzarrirvi, addirittura viene prodotto del “Miele Barricato” nel centro Italia e siamo uno dei paesi che ne esporta di più.

ricordiamo che è possibile incrementare i guadagni accelerando l’impollinazione ed allevare le api regine, questo raddoppierà le entrate

Perciò vista la spesa iniziale e il fascino del mestiere mi sembra l’attività più intraprendibile di questo elenco.

Ricordiamo che bisogna sempre essere molto molto molto attenti e sicuri di non fare il passo più lungo della gamba, perchè ogni cosa è bella se ci impegnamo a fondo e ci sono persone veramente qualificate che da 50 anni producono miele, perciò la concorrenza non manca, ma come diceva un noto imprenditore del mio paese: “..il Territorio è piccolo e la richiesta è Tanta..”.

Stimo che con 30000€ si riesca ad iniziare una produzione di tutto rispetto, questa cifra a grandi linee ricordiamo che dobbiamo allestire un laboratori in acciaio inox come da norme igenico sanitarie e per questo se dobbiamo comprare i locali aggiungerei altri 20 25 mila €,

per capire bene i costi andate su questo sito, che è un pò difficile da leggere però estratti i dati che ci servono ci si fa una buona idea delle spese e dei ricavi

e lasciate perdere l’ultima frase, oltre che ai tassi di prestito e tutto quello che non c’entra, perché pessimistico,  ma carpitene l’essenza in numeri, è molto più che possibile fare l’apicoltore,

magari all’inizio come secondo lavoro, ma via via sempre più efficacemente per farne il primo.

 

Se invece si vuole iniziare attività più personali e legate alla tecnologia senza fare grandi investimenti iniziali, o semplicemente perché non si dispone di un terreno, stiamo notando la percentuale in aumento dei:

Pilota di droni:

ormai irrinunciabili per svariate funzioni tanto che sembrano aver preso parte della vita di tutti, i Droni, sono un mezzo semplice ed economico per avere delle riprese aeree senza dover, come qualche anno fa, prenotare un elicottero o un piper.

Lasciando immaginare l’Enorme Risparmio.

Il Drone dà la possibilità a tutti di effettuare ricostruzioni digitali di città o addirittura paesi. Si. Perché ci sono droni da 50€ utili per imparare questa che ormai è Arte, fino ad arrivare ad alcuni modelli che costano svariate migliaia di euro.

La possibilità di fare un corso con pochi soldi ci darà la possibilità di mettere le basi per poter iniziare a pilotare e trovare lavoro come pilota di drone non sarà difficile,

Hollywood ormai ne è completamente dipendente e al contrario degli anni passati molte riprese di Valli e scenari sono Originali e non ricostruite in digitale,

inoltre molti proprietari di Hotel e alberghi, ma non solo, fanno bellissime riprese per pubblicizzare i propri stabili, così come luoghi di villeggiatura, spiagge, laghi, città d’arte ecc ecc.

Insomma, le possibilità sono molteplici. Consiglio quindi di fare un corso, che come dicevo darà la possibilità di imparare a fare inquadrature e fotografie perfette, ad esempio qui trovate il corso più vicino a voi certificato ENAC.

Buon volo a tutti.

 

Disegnatore per stampanti 3D

un altro lavoro che aveva già catturato la nostra attenzione, ma ora ha veramente diventato un vero e proprio settore, è la stampa in 3D.

Nasce con il chiaro intanto di costruire sempre più cose, che prima erano possibili solo attraverso capacità ed investimenti di un gran numero di persone,

attraverso l’ausilio di un unico computer ed in un sistema a pantografo che costruisca nello spazio le matematiche 3D realizzate a “schermo”.

Gli utilizzi sono pressoché infiniti, si pensa che i viaggi spaziali saranno possibili solo attraverso una autocsotruzione dei pezzi durante il viaggio.

ad esempio una nave spaziale che subisce un danno saprà riconoscere il pezzo necessario alla riparazione, costruirselo e installarselo senza l’ausilio dell’uomo.

Senza andare tanto in là, oggi possiamo già ammirare diverse scarpe sportive, abbigliamenti, prove stampo, case e addirittura palazzi costruiti interamente con stampanti 3d.

Anche qui se siete neofiti consiglio un corso, che oltre alla possibilità di imparare ad usare un cad, necessario per portare dalla mente al concreto un’idea, vi darà la possibilità di capire la logica di queste attrezzature e il loro funzionamento.

Qui trovate un esempio di un corso in Italia in diverse sedi.

L’unico consiglio che vorrei dare è che un corso deve durare almeno 3 mesi se non sapete usare niente, inoltre attenti al tipo di sede, certificazione ecc ecc, insomma le ormai solite cose….Buona realizzazione a tutti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *