Joseph Nicolas Cugnot

è Il VERO padre dell’automobile

La storia è strana, ma è quasi matematica…come l’animo umano che è estremamente particolare.

Ttutti attribuiscono a Watt, Benz, Ford l’invenzione dei primi propulsori, dell’automobile e della grande distribuzione e per un certo verso è così, ma solo perchè le loro idee incontravano il parere favorevole della massa e prima ancora soprattutto dei governi principali dell’epoca.

Pochi però sanno che fu   Joseph Nicolas Cugnot

IL PRIMO UOMO DELLA STORIA A CREARE UN AUTOMOBILE,

Prima-auto-a-vapore

La prima auto a vapore della Storia – il carro di Cugnot

la sua prima vettura fu a vapore (nella foto a a fianco) ed era in grado di circolare lungo le strade. Questo successe ben prima della prima automobile “ufficiale” descritta nei libri di storia.

A questa, ne seguì un’altra nel 1803, che fu la prima a percorrere le strade di Londra. Ma la gente al tempo, come lo stesso Cugnot era concentrata su chi sarebbe stato capace di creare una locomotiva in grado di trainare convogli carichi di merci e persone, poco interessava se si trovarono di fronte ad una invenzione ben più rivoluzionaria come L’automobile.

Verso la metà del ‘700 ci fu un orda di scienziati ed ingegneri che cercavano di

Fardier-a-vapeur

Incidente carro di Cugnot

applicare il neo-affinato motore a vapore, che non sprigionava grandi potenze ma permetteva di poter trainare a bassa velocità, c.ca 5km/h, grandi quantitativi di merci molto più che con i mezzi dell’epoca trainati da animali.

 

Quindi l’interesse per “la locomotiva” fu fomentato dai governi e di conseguenza dai grandi investitori, proprietari di acciaierie o miniere di carbone, all’epoca alla base della rivoluzione industirale.

Nessuno o “quasi” si concetrò su quello che poteva essere un mezzo indipendente che poteva comprare qualsiasi grande azienda senza l’ausilio e l’attesa della costruzione di rotaie, ma allora si pensava, che fosse più facile fare delle vie su binari che permettevano lo scorrimento di mezzi senza grandi sobbalzi abbassando il rischio di rompere i fragili sistemi di movimentazione a vapore, visto che le strade non erano asfaltate.

Aggiunto a questo la non ancora invenzione degli pneumatici e la mancanza di ammortizzatori, fecero sì che le menti più brillanti si concentrassero sullo sviluppo dei treni e così fu per tutti tranne che per Cugnot, colui che differenziandosi dalla massa creò la prima automobile della storia.

Precisiamo che non ebbe grande successo, al viaggio inaugurale si schiantò contro un muro (vedi vignetta in alto). Non erano stati previsti freni ne tantomeno uno sterzo comodo, infatti bisognava girare una manovella che azionando una madrevite faceva leeentamente girare le ruote. Ma giustamente senza grandi quantitativi di denaro a disposizione non potè realizzare molti prototipi o simulazioni. Perchè appunto tutto lo sforzo era dedicato ai treni.

La concezione fu però già quella che si vide un secolo dopo quando i primi ingegneri applicarono il motore a vapore a carri. Cugnot ne prese uno, altamente sovradimensionato, con travi enormi e ruote poco stabili, ma essendo le uniche risorse e conoscenze del 1750 anticipò i tempi su l’automobile che sarebbe stata.

Quindi se volete sapere chi inventò l’automobile la risposta è, lo svizzero

 Joseph Nicolas Cugnot .