L’invenzione dell’automobile moderna viene attribuita ad un ingegnere tedesco, Karl Benz, ma si tratta in realtà del risultato di una serie di studi, ricerche e progressi che hanno interessato ed abbracciato un vasto arco temporale. L’ingegner Benz è stata la persona con l’idea giusta al momento giusto, la sua Benz Velociped, prima autovettura della storia moderna, è infatti stata concepita sulla base di modelli e progetti costruiti in precedenza.

Karl Benz

L’invenzione dell’auto moderna, Karl Benz

Interessato alla meccanica, sul finire del 1800 Benz inizia a progettare un motore a due tempi a gas che perfeziona nel 1882 quando fonda una ditta specializzata proprio nella costruzione di questo tipo di motori, ma a causa di problemi finanziari è costretto ad abbandonare il progetto. La speranza rinasce in lui nel 1886 quando il brevetto del motore a quattro tempi, fino a quel momento di proprietà di Nikolaus August Otto, viene reso disponibile, in questo modo Benz riesce a registrare la sua vettura Benz Velociped con un unico brevetto, cosa che lo rende il primo costruttore di autovetture al mondo.

Il primo modello di auto, la Benz Velociped

Il primo modello di auto, la Benz Velociped

A rendere però famoso il suo mezzo è in realtà la moglie Bertha che, di nascosto dal marito, prende l’auto e percorre oltre 50 km, sorprendendo la stampa e catalizzando l’attenzione mediatica sul suo veicolo. Da questo momento fioriscono gli affari della famiglia Benz e il capostipite realizza dapprima la Benz Viktoria (1893) poi la Velo l’anno successivo e con la presentazione delle sue auto a Parigi (1901) comincia a venderne anche all’estero.
Tuttavia, l’attività di Benz è in parte ridimensionata perché nello stesso anno l’azienda competitor Daimler mette in commercio la sua Mercedes 35PS, la prima auto del marchio Mercedes che diviene Mercedes-Benz nel 1926 con la fusione tra Daimler e Benz.